Eventi e novità

INSIEME LEVIAMO IL GRIDO DELLA PACE! 4 NOVEMBRE 2023_ GIORNATA DELL'UNITA' NAZIONALE E DELLE FORZE ARMATE


Pubblicato il 04 novembre 2023




                        4 NOVEMBRE 2023  

FESTA DELL'UNITA' NAZIONALE  E DELLE FORZE ARMATE

Il 4 novembre l'Italia ricorda l'Armistizio di Villa Giusti - entrato in vigore il 4 novembre 1918 - che consentì agli italiani di rientrare nei territori di Trento e Trieste, e portare a compimento il processo di unificazione nazionale iniziato in epoca risorgimentale.
Il 4 novembre terminava la Prima Guerra Mondiale. Per onorare i sacrifici dei soldati caduti a difesa della Patria il 4 novembre 1921 ebbe luogo la tumulazione del "Milite Ignoto", nel Sacello dell'Altare della Patria a Roma. Con il Regio decreto n.1354 del 23 ottobre 1922, il 4 Novembre fu dichiarato Festa nazionale.
In questa giornata si intende ricordare, in special modo, tutti coloro che, anche giovanissimi, hanno sacrificato il bene supremo della vita non solo per un ideale di Patria, ma anche chiunque l'abbia fatto per il prossimo, per la Famiglia e per l' attaccamento al loro dovere: valori immutati nel tempo che non devono essere dispersi.





VALLO L - Per la Scuola Pinto è ormai diventata una tradizione, partecipare attivamente alla Festa Nazionale del 4 Novembre Giornata dell' Unità Nazionale e delle Forze Armate.
Noi della Scuola Pinto di Vallo della Lucania, questa giornata vogliamo definirla così com'è: GIORNATA IN DIFESA DELLA PACE.
Ed è questo il vero compito delle Forze Armate: garantire che ogni giorno sia un giorno di PACE!!!
Tutti noi siamo chiamati ad essere Operatori di Pace, una Pace che va costruita principalmente dalle e tra le nostre piccole realtà: la Famiglia, la Scuola, la Società Civile, la Chiesa, il Lavoro, lo Sport, le Arti. Come tanti pezzetti formano un intero Globo, così tanti pezzi di Pace, formano una Pace Globale. 
In questa giornata commemoriamo i caduti di tutte le guerre, non solo delle due (e purtroppo non ultime) guerre mondiali. La situazione di discordia mondiale che stiamo vivendo non ci deve permettere di farci alzare bandiera bianca e inchinarci al male più estremo che l'uomo possa costruire: la guerra. Mai come in questo momento così delicato vogliamo innalzare i colori della nostra bandiera per vivificare i valori supremi espressi chiaramente nell'articolo 11 della Costituzione Italiana: LA PACE, LA SOLIDARIETÀ e LA LIBERTÀ TRA I POPOLI


La Cerimonia di Commemorazione si è svolta in Piazza Vittorio Emanuele, al Monumento ai Caduti con la presenza del Vicesindaco, la dottoressa Tiziana Cortiglia, le Autorità Civili e Militari. È stata deposta la Corona, benedetta dal Parroco don Aniello Adinolfi. È stato eseguito il Silenzio di Ordinanza La Leggenda del Piave con la Tromba, dal Maestro Paolo Filpi, al quale va il nostro più sentito ringraziamento per avere accompagnato anche l'esecuzione canora dell' Inno Nazionale eseguito dagli alunni della nostra Scuola Pinto.
SILENZIO DI ORDINANZA E LEGGENDA DEL PIAVE. Maestro Paolo Filpi

INNO NAZIONALE ITALIANO. Alunni della Scuola Pinto, con il Maestro Paolo Filpi
Al termine dell'esecuzione dell' Inno Nazionale, la rappresentanza degli alunni della Scuola Pinto, ha consegnato ufficialmente al Vicesindaco Tiziana Cortiglia i tesori e i propositi dell'articolo 11.
Tesori e propositi dell'articolo 11 della COSTITUZIONE ITALIANA

Il Progetto della Costituzione, condanna la guerra come strumento di offesa, e promuove la solidarietà e la pace tra i popoli.
È stato scelto il verbo Ripudiare, perché indica la vera rinuncia alla guerra, ma anche perché la guerra non può mai essere, non è mai stata, e mai sarà la soluzione giusta di fronte a qualsiasi controversia. 
Dobbiamo ambire alla pace come unico strumento di libertà, indipendenza e solidarietà tra le nazioni.
Consegna del Vessillo Tricolore al Vicesindaco


Abbiamo scelto come vessillo di quest'anno la girandola con i colori verde bianco e rosso, e un ringraziamento particolare per questo oggetto così ingegnoso va alle insegnanti Riccarda Galietta e Maria Antonella Guida. La girandola è stata tenuta in mano dagli alunni per il corso della Cerimonia di Commemorazione, in particolare durante la loro splendida esecuzione canora dell' Inno Nazionale. La girandola ha un profondo significato: rappresenta noi stessi perché si muove con rotazione grazie alle carezze del Vento che, in questo caso, rappresenta il soffio vitale della Pace. Come il Vento permette alla girandola di muoversi, così la Pace (con le sue carezze) permette all'umanità di Vivere! LA PACE È VITA E LA VITA È VENTO: COSA POSSONO SPADE E PROIETTILI CONTRO IL VENTO?

GRIDIAMO AL MONDO IL BENE SUPREMO DELLA PACE.

       Scuola Mons. Alfredo Pinto 4 Novembre 2023


Ascoltiamo questa testimonianza di vita